burger mobile
logo
Sede Legale ASST Fatebenefratelli Sacco
Via G.B Grassi, 74 . 20157 - Milano | CF e PI:09319690963
IBAN: IT47A0538701615000042209922
protocollo.generale@pec.asst-fbf-sacco.it

Emergenze infettivologiche e Bioterrorismo

Il Sacco era stato individuato come centro di riferimento per il Nord Italia per le attività sanitarie attinenti al rischio biologico da episodi infettivi sia naturali (epidemici), sia provocati (eventi di bioterrorismo), che possano rappresentare un rischio grave per la collettività.
A questo scopo negli anni scorsi sono stati finalizzati contributi finanziari per la predisposizione di strutture idonee alla diagnosi e cura di soggetti affetti da patologie infettive ad elevato impatto sociale, che hanno coinvolto le Unità di Malattie Infettive, Microbiologia, Pronto Soccorso e Anatomia Patologica.
La struttura di "Emergenza infettivologica e Bioterrorimo" è stata costituita per coordinare gli interventi del Dipartimento di Malattie Infettive in questo ambito.


Le attività della Struttura si sono concentrate principalmente in:

  1. predisposizione di piani organizzativi
  2. reperimento e gestione del materiale idoneo per affrontare gli eventuali episodi infettivi secondo le necessità;
  3. organizzazione di iniziative di formazione rivolte al personale addetto all'assistenza dei malati
  4. interventi di natura più specificamente diagnostica e assistenziale su casi clinici (compreso il trasferimento con ambulanza di malati con febbre emorragica virale provenienti da altre regioni).

Allo scopo è stata costituita un gruppo di intervento rapido (composto da personale medico e infermieristico del Dipartimento) con reperibilità h24, per il trasferimento con mezzo dedicato (ambulanza ad alto isolamento) di malati ad alta contagiosità provenienti da altre regioni del NordItalia verso strutture idonee di ricovero (Ospedale Spallanzani di Roma), per la gestione di casi clinici nella fase iniziale di eventi epidemici che richiedessero procedure speciali di isolamento (pandemia influenzale) e di episodio attributi a presunti fatti di bioterrorismo (polvere con sospetta contaminazione da antrace) non gestibili nei termini dell'attività ordinaria di pronto soccorso e inviati presso l’ospedale da tutto l'ambito cittadino e aree circostanti. All' unità non è attribuito personale proprio, ma si è avvalsa di personale del Dipartimento di Malattie Infettive per lo svolgimento dei compiti di intervento negli ambiti che le sono specifici.