burger mobile
logo
Sede Legale ASST Fatebenefratelli Sacco
Via G.B Grassi, 74 . 20157 - Milano | CF e PI:09319690963
IBAN: IT57W0311101603000000009130
protocollo.generale@pec.asst-fbf-sacco.it

Sostieni il progetto “Red Carpet”: Screening HCV al Serd

12/07/2019

Progetto: “Red Carpet”: Screening HCV al Serd
Termine di adesione: venerdì 2 agosto 2019

Il progetto di informazione, prevenzione e screening denominato “Red Carpet” è concepito in collaborazione tra i Servizi territoriali di diagnosi e cura delle dipendenze siti in via Canzio e Accursio e l’ UOC Malattie infettive 1 afferenti alla ASST Fatebenefratelli-Sacco di Milano. In relazione alla problematica della diagnosi e cura dell’ infezione da HCV, nel rispetto del piano nazionale di eliminazione della stessa.

Obiettivo primario è quello di diagnosticare, informare ed indirizzare i soggetti con problemi di tossicodipendenza, afferenti ai Servizi territoriali di diagnosi e cura delle dipendenze siti in via Canzio e Accursio, verso una corretta gestione della patologia orientandoli in un percorso clinico adeguato e di qualità che eviti inutili dispersioni di tempo e riduca il rischio di contagio in questa popolazione ad alto rischio e ad alta prevalenza.
Nell’ambito del progetto “Red Carpet” i soggetti con problemi di tossicodipendenza verranno sottoposti a screening mediante l’utilizzo di test rapidi salivari e, successivamente, di test XPERT HCV Fingerstick, saggio in vitro basato sulla reazione a catena della polimerasi in tempo reale dopo retrotrascrizione (RT-PCR). Questo test permette il rilevamento e la quantificazione dell’RNA del virus dell’epatite C (HCV) in sangue intero umano venoso e capillare prelevato mediante puntura del dito con aggiunta di EDTA, su pazienti con sospetta infezione da HCV. Il test fornisce i risultati in soli 58 minuti.
I soggetti risultati positivi verranno inviati agli ambulatori della UOC Malattie infettive 1 e indirizzati su un percorso facilitato (“Red Carpet”) per il completamento dell’ iter diagnostico (genotipizzazione, fibroscan, ecografia, ecc) e il successivo trattamento con DAAs. I pazienti “più difficili” verranno invece avviati al trattamento DOT presso il SERD di appartenenza.