burger mobile
logo
Sede Legale ASST Fatebenefratelli Sacco
Via G.B Grassi, 74 . 20157 - Milano | CF e PI:09319690963
IBAN: IT47A0538701615000042209922
protocollo.generale@pec.asst-fbf-sacco.it

Inaugurazione nuova Sede territoriale ASST Fatebenefratelli Sacco

- © 2021 Asst Fatebebenfratelli Sacco
25/06/2021

Clicca qui per visualizzare il video

È stata inaugurata oggi in via Serlio, 8 la nuova e modernissima Sede Territoriale dell’ASST Fatebenefratelli Sacco, nel cuore del Municipio 4, una zona storica e multietnica di Milano, che conta circa 161.000 abitanti.

Il nuovo Centro nasce dalla volontà di offrire ai cittadini residenti, in uno dei quartieri più popolosi della città, una nuova sede per il Centro Vaccinale e gli Uffici di Scelta e Revoca.

La nuova Sede, realizzata anche grazie al generoso contributo del gruppo Prelios e di Aertermica, ha permesso di concentrare in un’unica struttura 2 servizi territoriali indispensabili al cittadino: la Scelta e Revoca (ovvero l’Ufficio che formalizza tra l’altro il diritto del cittadino di fruire del Sistema Sanitario Regionale) con 6 sportelli dedicati all’utenza e un Centro vaccinale caratterizzato da 4 linee vaccinali per adulti, anziani, donne in gravidanza e bambini 0 – 18 anni.

Il Centro vaccinale effettua ogni anno circa 40.000 vaccinazioni per gli abitanti del Municipio 4; mentre, per quanto riguarda gli uffici di Scelta e Revoca, gli accessi complessivi assicurati alla popolazione di Milano sia in front office agli sportelli che on line attraverso un Portale dedicato arrivano a circa 400.000.

La nuova struttura ha consentito il trasferimento di due sedi territoriali non più idonee a rispondere in maniera adeguata alle esigenze dei cittadini, l’Ufficio Scelta e Revoca di via Molise e il Centro Vaccinale di Corso Lodi.

“Questa nuova sede consente di stare al passo coi tempi offrendo in maniera più funzionale un presidio importante a servizio di una zona di Milano con una popolazione rilevante - osserva la vicepresidente e assessore al Welfare di Regione Lombardia, Letizia Moratti – Una novità che di fatto va nella direzione auspicata dalla Riforma della nostra Legge sanitaria regionale:ovvero una sanità territoriale, sempre più vicina al cittadino e ai suoi bisogni. Il fatto che il Municipio 4 abbia da oggi una struttura di questo tipo, che possa garantire più efficienza e realizzata anche con la collaborazione tra pubblico e privato, è sicuramente un valore aggiunto. E così pure il murales “donato” a questa nuova sede ci dà l’idea di un luogo dove anche le preoccupazioni e le paure possono trasformarsi in un sorriso”.

MORATTI

“La Pandemia da Covid-19 ha dimostrato a tutti quanto sia importante e fondamentale il corretto ed efficiente funzionamento della rete territoriale, pertanto essere riusciti in questo periodo di emergenza sanitaria a realizzare una nuova Sede territoriale rappresenta per tutti noi un motivo di orgoglio e un forte segnale di ripartenza. – Ha dichiarato Alessandro Visconti, Direttore Generale ASST Fatebenefratelli Sacco - L'iniziativa è ancora più lodevole, in quanto si interviene nell'area territoriale vale a dire vicino ai cittadini, con l'obiettivo di evitare trasferimenti nei più lontani presidi ospedalieri. Siamo perciò molto grati a Prelios e Aertermica grazie ai quali abbiamo potuto realizzare un servizio rivolto all’utenza, dimostrando ancora una volta l’importanza della collaborazione tra imprese pubbliche e private nella realizzazione di servizi fondamentali per la salute ed il benessere di tutti".

VISCONTI

Il centro di via Serlio, vuole essere, per la città di Milano, un punto di riferimento e un supporto alla strategia di gestione della pandemia sanitaria Covid-19, garantendo la presenza di un nuovo presidio a livello territoriale.

Il Presidente del Gruppo Prelios, Fabrizio Palenzona, ha affermato: “Sin dall’inizio della pandemia il nostro Gruppo, con i suoi collaboratori, ha sentito di dover condividere lo sforzo della nostra comunità per arginare e sconfiggere il Covid. Abbiamo così scelto di sostenere una struttura di eccellenza come il Fatebenefratelli Sacco di Milano, contribuendo all’acquisto di attrezzature necessarie ai sanitari dei reparti maggiormente impegnati nella lotta alla pandemia. In questo momento, animati da una ragionevole speranza di ‘normalità’, ci siamo nuovamente messi al fianco del Fatebenefratelli Sacco, questa volta per la creazione di un nuovo importante centro vaccinale. Prelios, e tutti coloro che lavorano nel Gruppo, hanno inteso questa iniziativa come un piccolo gesto di affetto verso tutti i concittadini e, in particolare, un segno di riconoscenza verso le donne e gli uomini di questa grande struttura ospedaliera, che sono sempre in prima linea a tutela della nostra salute con professionalità, coraggio e generosità”.

Il nuovo Centro è stato progettato non solo per essere funzionale ma anche bello ed accogliente; a tal fine è stato fondamentale il contributo dell’artista Alessandro Bandin, membro della We Are Urban Milano odv, l’Associazione che ha voluto donare all’ASST Fatebenefratelli Sacco ed in particolare alla sede di Via Serlio un coloratissimo Murales.

“L’associazione di volontariato WAU! Milano è felice di donare questa opera alla cittadinanza – ha dichiarato Andrea Amato, Presidente We Are Urban Milano Odv - Per noi è un onore contribuire, anche con questa creatività, al miglioramento dei luoghi in cui la comunità vive”.

"Questo murales è stato ideato e creato, pensando non solo ai bambini, ma anche al bambino che vive in ognuno di noi. Un bambino che si palesa in quei momenti, in quei luoghi dove riaffiorano paure infantili, come, per esempio, la sala d'attesa di un ospedale, magari aspettando il nostro turno per un’iniezione, un vaccino. - Spiega Alessandro Bandinu, artista del murales e membro della We Are Urban Milano odv - Pensando a questo, ho posto al centro dell'opera un enorme tartaruga marina, che fluttua tra acqua ed aria. Sul suo guscio si erge un faro che è simbolo di sicurezza, di certezza, il punto fermo a cui tutti noi ci affidiamo nello sconforto, nel dubbio. Questo faro, trovandosi sul guscio di una tartaruga, è in perenne movimento, quindi siamo noi, fragili come una barchetta di carta, a seguire e a trovare il nostro punto fermo, che si tramuta, si trasforma, svanisce o cambia posto ma rimane sempre dentro di noi a confortarci”.