burger mobile
logo
Sede Legale ASST Fatebenefratelli Sacco
Via G.B Grassi, 74 . 20157 - Milano | CF e PI:09319690963
protocollo.generale@pec.asst-fbf-sacco.it

Allattamento al seno

- © 2018 Asst Fatebebenfratelli Sacco
04/09/2018

Abbiamo parlato di allattamento al seno con Paola Pileri, dirigente Ostetricia e Ginecologia Buzzi e referente aziendale per l’accreditamento Unicef – Ospedale Amico del Bambino.

Parliamo di allattamento esclusivo al seno. Per quanto tempo è consigliato?

L’OMS Organizzazione Mondiale della Sanità consiglia l’allattamento al seno esclusivo cioè senza alcun tipo alimentazione sostitutiva come acqua tisane ecc per i primi sei mesi del bambino.Dopo questo periodo si inizia quella che si chiama alimentazione complementare. Non si parla più di svezzamento perché non va tolto il seno.
L’allattamento al seno va auspicato anche fino ai 2 anni - 2 anni e mezzo o quanto meno finché mamma e bambino lo desiderano.

Quali sono i benefici dell’allattamento?

L’allattamento prolungato ha un doppio beneficio: per il bambino e per la mamma.Il latte materno è ricco di sostanze nutritive, a scopo immunitario e probiotiche ed è quindi l’alimento migliore per il bambino. Inoltre favorisce l’aspetto relazionale: i bambini allattati al seno sono bambini che hanno una maggiore autonomia, tendono ad essere più sicuri. Dal punto di vista della mamma, l’allattamento protegge dal tumore al seno.

Una mamma che sente dolore durante l’allattamento deve allarmarsi?

Il dolore è un sintomo, durante l’allattamento non bisogna avere dolore.In caso di dolore è importante controllare lo attacco del bambino anche chiedendo aiuto e supporto in ospedale o nei consultori.
E’ importante non aspettare la presenza di ragadi o ascessi per chiedere aiuto. Nel 90% dei casi, la mamma sente dolore a causa della posizione. E’ importante scegliere una posizione comoda per la mamma ma che consenta al bambino di attaccarsi in modo corretto. Le mamme devono, inoltre, imparare a riconoscere i segnali di fame del bambino: bimbo che apre la bocca, si morde la manina, muove continuamente la testa.
Il pianto è un segnale molto tardivo, un bambino attaccato dopo il pianto è un bambino arrabbiato, quindi sarà molto più difficile ottenere un attacco corretto.